Inizio Pagina

Stampa questa pagina

Tutela animali

Randagismo

Nel 1998, ancor prima dell'emanazione della Legge Regionale n.15 del 3/07/2000, il Consiglio Comunale del Comune di Ragusa, giusta deliberazione n. 11 del 19/02/1998, istituiva il servizio di cattura, ricovero e mantenimento dei cani randagi ai sensi della legge n. 281 del 14/08/1991 "Legge quadro in materia di affezione e prevenzione del randagismo" che fa carico ai Comuni di provvedere al risanamento dei canili comunali esistenti o alla costruzione di rifugi per i cani, e che vieta di sopprimere i cani vaganti catturati. Non esistendo un canile comunale di proprietà, il Comune di Ragusa ha assicurato tale servizio, dal 1998 ad oggi, convenzionandosi di volta in volta, mediante asta pubblica, con ditte private che hanno garantito la cattura immediata dei cani randagi sparsi nel territorio (che rientrano in particolari fattispecie), un primo soccorso dei cani catturati 24 ore su 24, e la cura degli animali feriti o incidentati. Al 30 settembre 2008 risultano ricoverati presso la struttura convenzionata 65 cani randagi.

Il 2 Aprile 2005 è stato inaugurato e attivato l'ambulatorio comunale per l'Anagrafe Canina. Attraverso un Protocollo d'Intesa con i Comuni di Chiaramonte Gulfi, Monterosso Almo e Giarratana è stato stabilito l'utilizzo, in modalità associata, della struttura Ambulatoriale Veterinaria sita presso la la Zona Ind.le 1° Fase di Ragusa.
Dall'inizio ad oggi sono stati anagrafati complessivamente 3.181 cani. L'ambulatorio comunale dell'anagrafe canina, diretto da un veterinario dell'A.U.S.L. n.7 di Ragusa, è dotato di apposita sala chirurgica per gli interventi di sterilizzazione che hanno avuto inizio il 19 Ottobre 2006 in collaborazione con il Servizio Veterinario della A.U.S.L. n. 7 che si occupa della sterilizzazione dei randagi catturati nel territorio. Attraverso apposito Protocollo d'intesa con le Associazioni animaliste, sono stati stabiliti i criteri per la reimmissione dei randagi stessi nel territorio di provenienza e con rinnovato Protocollo d'intesa con l'Area di Sanità Pubblica Veterinaria dell'A.U.S.L n. 7, è stato garantito il prosieguo sia dell'attività ambulatoriale che della nuova attività di sterilizzazione e reimmissione, secondo quanto stabilisce la Legge Regionale in materia.

Colonie Feline

Nel 2008, ai sensi della vigente normativa regionale (art. 18 L.R. 15/2000) e con deliberazione della Giunta Municipale n. 283 dell'8 luglio 2008, l'Ufficio Servizi Sanitari ha dato inizio al censimento delle colonie feline che vivono all'interno del territorio comunale. I Gattai e le Gattaie, tramite la richiesta di iscrizione all'elenco dei referenti per le colonie feline, prima, e la richiesta di sterilizzazione successivamente all'ufficio predetto, possono usufruire del servizio di sterilizzazione e reimmissione nel territorio, presso l'ambulatorio di Anagrafe Canina in collaborazione con l'Azienda U.S.L. n. 7 . Lo schema della domanda di iscrizione all'elenco dei referenti può essere: a) scaricato dagli interessati dal sito internet dell'amministrazione e inoltrato al seguente indirizzo e-mail: serv.sanita@comune.ragusa.gov.it alla c.a. della Dott.ssa Scalone Maria; b) richiesto personalmente presso l'Ufficio Servizi Sanitari in C.so Italia, 72 - Tel.Fax 0932.676282, presso il quale potrà poi essere presentata la richiesta di sterilizzazione della colonia.

Colombi

Nel Novembre 2003 è iniziato il Progetto "colombi in città": il Comune di Ragusa ha intrapreso un'azione di lotta contro la proliferazione incontrollata dei colombi urbanizzati, mediante la somministrazione di mangime medicato che inibisce le capacità fecondative dei colombi. A sostegno del progetto, è stata emanata, inoltre, l'ordinanza sindacale n. 357/R.O.S. del 4/10/2007 con la quale si vieta ai cittadini la somministrazione di cibo ai colombi e si fa obbligo ai proprietari di immobili disabitati o privi di infissi la chiusura di questi affinché non diano la possibilità né di accesso né di nidificazione ai colombi.


Aggiungi questo link su:

  • Segnala via e-mail
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su OKNOtizie
  • Condividi su del.icio.us
  • Condividi su digg.com
  • Condividi su Yahoo
  • Condividi su Technorati
  • Condividi su Badzu
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su Windows Live
  • Condividi su MySpace
Torna a inizio pagina