Inizio Pagina

Stampa questa pagina

Notizie

Visualizza documenti del mese di:


Piano Sanitario Regionale

Documento del 21/03/2009

COMUNICATO N.164

PIANO SANITARIO REGIONALE

“RITIRARE UN SUB EMENDAMENTO CHE DANNEGGIA
LA REALTA' OSPEDALIERA DELLA NOSTRA CITTA'”

L'Assemblea Regionale Siciliana è impegnata nell'esame della riforma del piano regionale della sanità che da diversi mesi vede in un confronto serrato i rappresentanti dei diversi schieramenti politici del Parlamento siciliano.
Sulla materia il Sindaco di Ragusa, Nello Dipasquale appresa la notizia della presentazione di un sub emendamento di cui è primo firmatario l'On.le Riccardo Minardo interviene per dire la sua:
“Mi sembra a dir poco vergognosa - dichiara il Sindaco Dipasquale - la proposta che fa parte del sub emendamento presentato, con cui si ritiene possibile, nell'ambito della ridistribuzione delle aziende ospedaliere provinciali, di potere inserire in due distretti diversi gli ospedali della città “Maria Paternò Arezzo” e “Civile”, mettendo il primo nel distretto “Ragusa 1” con gli ospedali di Modica e Scicli ed il secondo in quello di “Ragusa 2” assieme alle strutture ospedaliere di Vittoria e Comiso”.
“Questo sub emendamento è un'autentica schifezza – aggiunge il primo cittadino – ed invito pertanto chi lo ha presentato a ritirarlo; i deputati regionali non potrebbero non respingere una proposta di questa natura che non tiene assolutamente conto della realtà ospedaliera della città di Ragusa; non si può, tra l'altro, non considerare la prossima apertura del monoblocco ospedaliero di Contrada Cisternazzi che metterebbe insieme le grandi risorse sanitarie dei due nosocomi della città che devono far parte quindi di un unico distretto”.

Ragusa 21/03/09

Aggiungi questo link su:

  • Segnala via e-mail
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su OKNOtizie
  • Condividi su del.icio.us
  • Condividi su digg.com
  • Condividi su Yahoo
  • Condividi su Technorati
  • Condividi su Badzu
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su Windows Live
  • Condividi su MySpace
Torna a inizio pagina