Inizio Pagina

Stampa questa pagina

Autorizzazione allo scarico

Come fare

Autorizzazione civile abitazione

  • Istanza in bollo (Mod. A);
  • Relazione tecnica a firma del tecnico abilitato riportante i seguenti dati:
    - indicazione del numero di abitanti equivalenti;
    -dimensioni relative alla Fossa Imhoff indicando il sistema di smaltimento finale e loro distanze da confini, opere e condotte destinate ad acqua potabile.
  • Stralcio PRG in scala 1:5000;
  • Stralcio Aerofotogrammetrico in scala 1:2000;
  • Planimetria del lotto con indicazione dell’immobile in scala 1:200, con evidenziati:
    a) Ubicazione del collettore di uscita della rete di raccolta acque nere e loro immissione nella Fossa Imhoff, con indicato Pozzetto di ispezione e Sifone di cacciata;
    b) Dimensioni Fossa Imhoff e sviluppo della condotta di sub-irrigazione in ml;
    c) Distanze della Fossa Imhoff dal fabbricato, dai confini e dalla cisterna idrica se presente e da eventuali pozzi (conformi a quanto previsto nella Del. Comitato Interministeriale del 04.02.77 all. 5);
    d) descrizione dettagliata del riutilizzo delle acque grigie nei casi in cui è previsto dal vigente Regolamento Edilizio;
  • Relazione geologica, a firma del tecnico abilitato in materia, con riferimento ad eventuali zone di tutela assoluta, di rispetto, e di protezione delle falde idriche e alle risorse idriche vincolate, specificando, altresì, la natura del litotipo e la permeabilità del terreno ricettivo al fine del corretto dimensionamento della condotta sub-irrigante, in base agli abitanti equivalenti;
  • Regolarità Urbanistica del fabbricato;
  • Versamento di € 50.00, intestato al Comune di Ragusa Servizi Ambientali C/C n° 18496976 e una marca di € 16,00;

Autorizzazione insediamenti produttivi recapitanti in Fossa Imhoff e sub-irrigazione

  • Istanza A.U.A da inoltrare al competente SUAP;
  • Aerofotogrammetria, in scala 1:10.000, dell’insediamento, con evidenziata la presenza di vincoli di natura ambientale e di zone di rispetto e di eventuali pozzi;
  • Relazione tecnica descrittiva, dell’impianto di depurazione e di smaltimento, con particolare riferimento alle dimensioni della Fossa Imhoff, con il calcolo degli abitanti equivalenti, dell’eventuale Degrassatore e della lunghezza della condotta disperdente;
  • Elaborati grafici riportanti l’origine dello scarico, proveniente:
    - dai servizi igienici dell’attività;
    - dalle acque provenienti dal ciclo di lavorazione e dagli scarichi che dallo stesso hanno origine;
    - al numero degli abitanti equivalenti;
    - ai sistemi di trattamento e smaltimento e loro caratteristiche tecniche e costruttive e loro distanze dai confini, opere e condotte destinate ad acqua potabile (Del. Comitato Interministeriale del 04.02.77 allegato 5), da evidenziare anche nella planimetria;
    - descrizione dettagliata del riutilizzo delle acque grigie nei casi in cui è previsto dal vigente Regolamento Edilizio;
  • Relazione geologica, con firma e timbro del tecnico abilitato in materia, con riferimento ad eventuali zone di tutela assoluta, di rispetto, e di protezione delle falde idriche e alle risorse idriche vincolate, specificando, altresì, la natura del litotipo e la permeabilità del terreno ricettivo al fine del corretto dimensionamento della condotta sub-irrigante, in base agli abitanti equivalenti;
  • Legittimità urbanistica dei fabbricati esistenti;
  • Versamento di € 50.00, intestato al Comune di Ragusa Servizi Ambientali C/C n° 18496976;
  • Certificato di analisi delle acque reflue, per insediamenti superiori a 50 A.E.

Autorizzazione insediamenti produttivi procedura A.U.A.

  • Istanza A.U.A. da inoltrare al competente SUAP;
  • Azzonamento Aerofotogrammetrico in scala 1:2000;
  • Planimetria dell’immobile ove si esercita l’attività in scala adeguata, sulla quale devono essere indicati :
    - Ciclo di lavorazione;
    - Locali accessori all’attività;
    - Locali destinati alla lavorazione;
    - Ubicazione dei servizi con percorso rete di raccolta acque reflue fino alla loro immissione nella rete fognante, con indicato il pozzetto di ispezione;
    - Rappresentazione del pozzetto Degrassatore (nel caso in cui l’attività sia riferita alla lavorazione di prodotti alimentari);
    - Rappresentazione degli impianti di pretrattamento o depurazione, (per attività industriali con processo di lavorazione o soggetti alla disciplina delle acque meteoriche);
  • Copia della Concessione Edilizia, Istanza di sanatoria o eventuale certificazione attestante il cambiamento di Destinazione d’uso;
  • Relazione descrittiva sul ciclo di lavorazione con l’indicazione di eventuali impianti di trattamento se esistenti, a firma di tecnico abilitato;
  • Versamento di € 50.00, intestato al Comune di Ragusa Servizi Ambientali C/C n° 18496976;
  • Analisi quali-quantitativa dei reflui da scaricare.

NOTE ESPLICATIVE: ai sensi dell’art. 2 del D. Lgs. 19/10/2011 n. 227 e del comma 4 dell’art. 124 del D. Lgs. 152/2006 e ss.mm.ii., gli scarichi delle acque reflue provenienti dai servizi igienici, sono assimilati ai reflui domestici e non rientrano nella procedura A.U.A. in quanto la tipologia dello scarico è sempre ammessa nell’osservanza dei regolamenti fissati dal gestore del servizio idrico integrato, fermo restando l’immutabilità qualitativa dei reflui e la titolarità dello scarico.

Autorizzazione aziende agricole-zootecniche

  • Istanza AUA, da inoltrare al competente SUAP;
  • Elaborati grafici riportanti:
    - Planimetria, in scala 1:25.000 IGM, (o su altra carta di uguale o maggior dettaglio) con ubicazione del sito aziendale;
    - Aerofotogrammetria, in scala 1:10.000, dell’insediamento, di tutti i terreni, compresi quelli interessati allo spandimento, con evidenziata la presenza di vincoli di natura ambientale e di zone di rispetto e di eventuali pozzi;
  • Relazione tecnica corredata da elaborati grafici riportanti l’origine dello scarico, proveniente:
    - dai servizi igienici di tutti i fabbricati annessi all’ALLEVAMENTO;
    - dalla sala latte e dalla sala mungitura (scarico assimilabile alle acque reflue domestiche)
    - dalle acque di lavaggio dei locali e delle attrezzature destinate ad attività di caseficazione, (scarico assimilabile alle acque reflue domestiche), inoltre, nella stessa, si dovrà fare particolare riferimento:
    - al ciclo di lavorazione e agli scarichi che dallo stesso hanno origine;
    - al ciclo produttivo relativo alla trasformazione del latte aziendale, con indicazione dei macchinari e delle attrezzature utilizzate e delle loro caratteristiche tecniche,

  • - al numero degli abitanti equivalenti;
    - ai sistemi di trattamento e smaltimento e loro caratteristiche tecniche e costruttive e loro distanze da confini, opere e condotte destinate ad acqua potabile (Del. Comitato Interministeriale del 04.02.77 allegato 5), da evidenziare anche nella planimetria;
    - alla canalizzazione, verso la concimaia, delle acque di lavaggio e disinfezione delle stalle e delle mammelle e delle acque di primo lavaggio della zona mungitura (da riportare anche nella planimetria);
    - descrizione dettagliata del riutilizzo delle acque grigie nei casi in cui è previsto dal vigente Regolamento Edilizio;
  • Relazione geologica, con firma e timbro del tecnico abilitato in materia, con riferimento ad eventuali zone di tutela assoluta, di rispetto, e di protezione delle falde idriche e alle risorse idriche vincolate, specificando, altresì, la natura del litotipo e la permeabilità del terreno ricettivo al fine del corretto dimensionamento della condotta sub-irrigante, in base agli abitanti equivalenti;
  • Titolo autorizzativo di eventuali pozzi presenti in azienda;
  • Legittimità urbanistica dei fabbricati esistenti;
  • Titolo di possesso dell’azienda ed eventuali copie dei contratti di locazione dei terreni;
  • Autocertificazione con cui il richiedente assicura di effettuare lo scarico nel pieno rispetto di tutte le norme di legge, ed, in particolare, di quelle per la tutela ambientale;
  • Dichiarazione Sostitutiva Dell’atto Di Notorietà nella quale il tecnico incaricato dichiara la conformità allo stato progettuale di quanto è stato realizzato;
  • Copia del certificato aggiornato di iscrizione alla C.C.I.A.A. del richiedente l’autorizzazione allo scarico (oppure autocertificazione).
  • Versamento di € 50.00, intestato al Comune di Ragusa - Servizi Ambientali- C/C n° 18496976.

Modulistica


Dove

Ufficio Ambiente, Energia e Verde Pubblico
Ubicazione: Via M.Spadola, 56
Tel.: 0932.676412 - 676422
Fax: --
e-mail: autorizzazione.scarico@comune.ragusa.gov.it


Quando

Dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle ore 12.00


Note

- Nessuna nota


I documenti allegati possono essere letti con un lettore di documenti PDF gratuitamente scaricabile da internet.
Una lista di lettori PDF è consultabile cliccando sul logo in basso.


Aggiungi questo link su:

  • Segnala via e-mail
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su OKNOtizie
  • Condividi su del.icio.us
  • Condividi su digg.com
  • Condividi su Yahoo
  • Condividi su Technorati
  • Condividi su Badzu
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su Windows Live
  • Condividi su MySpace
Torna a inizio pagina