Inizio Pagina

Stampa questa pagina

Notizie

Visualizza documenti del mese di:


Nella terza edizione della “Festa dell’albero” nasce il “Giardino della Vita”

Documento del 21/11/2020

UFFICIO STAMPA

Comunicato n.676


Nella terza edizione della “Festa dell’albero” nasce il “Giardino della Vita”

Degli alberelli di mandorlo messi a dimora nell’area a verde di via Africa per ricordare i tanti giovani ragusani che hanno perso la vita in diverse circostanze. Il “Giardino della Vita”, è stato così denominato lo spazio che accoglie venticinque piante, è stato inaugurato stamane in occasione della terza edizione Festa dell’Albero che il Comune di Ragusa, su iniziativa dell’assessorato al verde pubblico, ha promosso stamane alla presenza dei familiari delle giovani vittime.
Nel corso della cerimonia il sindaco Peppe Cassì e l’assessore al verde pubblico Giovanni Iacono hanno piantato simbolicamente uno dei tanti mandorli destinati a crescere nel nuovo “Giardino della Vita”.
Proprio il primo cittadino rivolgendosi ai tanti familiari dei giovani che hanno perso la vita, ha voluto sottolineare come sia importante ritrovarsi in un luogo che è nato per celebrare la vita e non la morte.
L’albero è simbolo di vita ha anche ricordato l’assessore al verde pubblico Giovanni Iacono, e questo giardino diviene un luogo simbolo per la città. Nel corso delle diverse edizioni della “Festa dell’albero” - ha ricordato Iacono – abbiamo piantato diversi alberi che hanno arricchito le aree a verde all’interno delle nostre scuole e le tante piazze della città.
Su ognuno dei 25 alberi di mandorlo del “Giardino della Vita” i familiari dei giovani scomparsi hanno apposto delle targhette in legno con inciso il nome del proprio caro.

Ragusa 21/11/2020

Aggiungi questo link su:

  • Segnala via e-mail
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su OKNOtizie
  • Condividi su del.icio.us
  • Condividi su digg.com
  • Condividi su Yahoo
  • Condividi su Technorati
  • Condividi su Badzu
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su Windows Live
  • Condividi su MySpace
Torna a inizio pagina