Inizio Pagina

Stampa questa pagina

Notizie

Visualizza documenti del mese di:


Le latomie di Cava Gonfalone aprono al pubblico

Documento del 16/06/2021

Comunicato n.382

Le latomie di Cava Gonfalone aprono al pubblico

Per la prima volta dopo oltre mezzo secolo, a partire da venerdì 18 giugno le latomie di Cava Gonfalone saranno stabilmente aperte al pubblico. Le visite guidate e con prenotazione obbligatoria, a cura di Cai sezione Ragusa e Associazione regionale guide siciliane, si terranno nei seguenti giorni e orari: martedì (10.00 – 11.00 – 12.00), venerdì, sabato e domenica (16.30 – 17.30 – 18.30).
Per informazioni e prenotazioni: tel. 339 1019926, e-mail.info@cavagonfalone.it
Su richiesta è possibile prevedere aperture straordinarie per gruppi di almeno dieci persone.
Il ticket d’ingresso è pari a € 4.00, con riduzione a € 2.00 per i ragazzi dai 7 ai 14 anni e gratuità per i bambini da 0 a 6 anni.

“Sotto i nostri piedi – dichiara il sindaco Peppe Cassì - abbiamo un luogo tanto straordinario quanto poco conosciuto: le latomie di Cava Gonfalone.
Riaperte sporadicamente solo in occasione di rari eventi, è giunto finalmente il momento di restituirle stabilmente ai ragusani. In questi mesi abbiamo lavorato affinché questo enorme labirinto sotterraneo sia pienamente fruibile attraverso un percorso di visita articolato dal punto di vista culturale e in assoluta sicurezza, ormai pronto.
Da venerdì 18, quindi, Ragusa si prepara a riappropriarsi di uno dei suoi spazi più suggestivi, di valore storico e dal grande potenziale turistico”.

“Il percorso sviluppato – prosegue l’assessore comunale Clorinda Arezzo - attraversa non solo le latomie in tutta la loro lunghezza ma anche in tutta la loro storia, in un dialogo che racconta le vicende di Cava Gonfalone e della città intera. Dal terremoto alla ricostruzione, dalla vita dei cavatori fino ai bombardamenti della seconda guerra mondiale, quando le latomie divennero un popolato rifugio antiaereo, quasi una città nella città.
È un percorso che rientra pienamente nell’Ecomuseo Carat, un luogo che è al tempo stesso patrimonio materiale e immateriale per le tecniche estrattive di cui è testimonianza”.

Ragusa 16/06/2021

Aggiungi questo link su:

  • Segnala via e-mail
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su OKNOtizie
  • Condividi su del.icio.us
  • Condividi su digg.com
  • Condividi su Yahoo
  • Condividi su Technorati
  • Condividi su Badzu
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su Windows Live
  • Condividi su MySpace
Torna a inizio pagina