Inizio Pagina

Stampa questa pagina

Notizie

Visualizza documenti del mese di:


Si inaugura giorno 25 novembre al Mudeco la mostra “Uno sguardo sull’Afghanistan”

Documento del 24/11/2021

UFFICIO STAMPA

Comunicato n.775


Si inaugura giorno 25 novembre al Mudeco
la mostra “Uno sguardo sull’Afghanistan”


In occasione della Giornata mondiale per l’eliminazione della violenza contro le donne che si celebra giovedì 25 novembre, è stata promossa e verrà inaugurata, alle ore 16, in una delle sale del Mudeco, la mostra dal titolo “Uno sguardo sull’Afghanistan”.
In esposizione alcuni abiti afghani, tra cui dei burqa, appartenenti alla Collezione di Andrea Barbaro La Tona. Soltanto nella giornata dell’inaugurazione della mostra che sarà visitabile fino al 7 gennaio 2022, sarà consentito l’ingresso gratuito al Museo del Costume, dalle ore 16 alle ore 18.

“Un museo – afferma l’assessore alla Cultura, Clorinda Arezzo – non può e non deve essere un luogo statico: conserva e valorizza il proprio patrimonio, fa ricerca e al tempo stesso dialoga con il mondo circostante, cogliendo spunti di riflessione e facendoli propri per contribuire alla crescita culturale del territorio. Di fronte a ciò che sta accadendo in Afghanistan, sono orgogliosa del fatto che Ragusa partecipi al dibattito pubblico sul tema con un contributo di così alto livello”.

“La storia del costume – aggiunge Giuseppe Nuccio Iacono, direttore del Mudeco - serve anche per comprendere ed evitare che riemergano le sofferenze del corpo e dell’anima. Il Mudeco deve quindi farsi promotore di alcune iniziative per tenere viva l’attenzione sul rispetto dei diritti umani. Per questo motivo ho pensato di dare il via ad una serie di iniziative tra cui il MUDECO PER…
Puntando ora il riflettore su quanto accade alle donne afghane, si spera che lo Sgomento non si sommi alla Rassegnazione, per tradursi invece in Speranza. Per sensibilizzare l’opinione pubblica il Mudeco aderisce pertanto alla campagna mondiale “Non toccare i miei vestiti”, promosso dai principali organi di comunicazione per dare voce al grido silente delle donne afghane, obbligate a rinunciare alla libertà di indossare ciò che desiderano”.



Ragusa 24/11/2021

Aggiungi questo link su:

  • Segnala via e-mail
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su OKNOtizie
  • Condividi su del.icio.us
  • Condividi su digg.com
  • Condividi su Yahoo
  • Condividi su Technorati
  • Condividi su Badzu
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su Windows Live
  • Condividi su MySpace
Torna a inizio pagina